Il Cervino illuminato a Zermatt

A Zermatt il tricolore illumina il Cervino: «esprimiamo così la nostra gratitudine a chi affronta l’emergenza»





L’illuminazione del Cervino sul versante svizzero, iniziata martedì 24 marzo 2020, ha suscitato entusiasmo e molte reazioni positive in tutto il mondo. Nella serata di sabato 28 marzo, la proiezione sarà dedicata alla solidarietà con l’Italia.

“Proiettando la bandiera italiana sul Cervino – si legge in una congiunta delle Amministrazioni comunali di Valtournenche e Zermatt – Zermatt mostra la sua vicinanza con l’Italia, il Paese europeo più colpito dalla pandemia di “covid-19″. La proiezione rispecchia simbolicamente una solidarietà profondamente sentita. L’Italia non è solo il Paese più colpito ma confina anche direttamente con Zermatt. Il comune di Valtournenche si trova sul versante opposto del Cervino e condivide con Zermatt il comprensorio sciistico internazionale. Due comunità legate dalla geografia, dalla storia e dall’amicizia”.

“E’ stata dunque la comunità di Valtournenche, su invito di quella di Zermatt, a definire il messaggio proiettato sul Cervino – continua la nota – «Per esprimere la nostra grande gratitudine», ha detto Nicole Maquignaz, vicesindaco del Comune di Valtournenche, che ha scritto un pensiero su di essa. Il ringraziamento va alle persone che, in questo momento, sono in prima linea e si sacrificano per affrontare questa emergenza in tutta Italia: è rivolto ai medici, al personale sanitario, ai volontari, alle Forze dell’ordine, ai Vigili del fuoco e a tutti
coloro che sono indispensabili e non possono stare a casa poiché salvaguardano e salvano vite umane. Per questa ragione, insieme a alla bandiera italiana, sul Cervino sarà proiettata anche la parola #grazie”.

“Le illuminazioni, create dall’artista della luce Gerry Hofstetter, dovrebbero durare fino al 19 aprile 2020 – annunciano le due località – Durante questo periodo di emergenza da “covid-19”, tra il tramonto (19:30 ora solare, 20:30 ora legale) e le 22, condizioni meteo permettendo, ogni giorno il Cervino sarà illuminato nel segno della speranza, della solidarietà e della gratitudine. Se la montagna sarà avvolta dalle nuvole, questa sera, l’illuminazione dedicata all’Italia sarà rinviata al primo giorno successivo di bel tempo. Un viaggio a Zermatt non è indicato, anche perché non si può vedere la proiezione a occhio nudo. Chi è interessato, può seguire da casa le proiezioni sulle webcam dal sito di Zermatt: “Rothorn”, “Trockener Steg” ed “Hirli”. Dalle webcam è possibile creare riprese accelerate e scaricare
immagini in alta definizione. La “funzione tempo” permette di riavvolgere le registrazioni, in modo da poter scaricare anche le immagini del passato. I materiali visivi legati all’iniziativa possono essere scaricati gratuitamente.

Il pensiero di Nicole Maquignaz, vicesindaco di Valtournenche:
«#grazie
Grazie ai nostri amici di Zermatt.
Grazie a tutto il mondo per la solidarietà che ci sta dimostrando.
Grazie al Cervino, che in questi giorni sembra sorvegliarci e proteggerci, e che ci ricorda che le montagne uniscono i popoli – non li dividono.
Grazie a tutti coloro che lavorano spendendosi per il prossimo in questi mesi duri, bui e pesanti.
Prendiamo questo tempo come un’opportunità per rallentare il passo, per riflettere sulle nostre vite, per rimettere ordine alla scala dei valori.
Sarà tutto diverso, ma ripartiremo.
Non perdiamo la speranza: quando si potrà, torneremo ad abbracciarci e, se avremo saputo usare bene questo tempo, saremo persone migliori.
#grazie #celafaremo #iorestoacasa #andràtuttobene


Fonte: Ufficio stampa AVI Presse Srl

Precedente
Giovanni Guzzetta

Alliance Valdôtaine e Stella Alpina chiedono un parere a Giovanni Guzzetta sul reintegro della Giunta «per affrontare l'emergenza»

Prossimo
Renzo Testolin e Pio Porretta

«Tante forze in campo per affrontare l'emergenza». Renzo Testolin guarda al dopo "covid-19": «ci vuole lo sforzo di tutti»





Post correlati
Total
0
Share