Secondo uno studio dell’Ispra la Valle d’Aosta è la prima regione italiana vicina al “Consumo di suolo 0”





L’aumento del consumo di suolo non va di pari passo con la crescita demografica e in Italia cresce più il cemento che la popolazione: nel 2019 nascono 420 mila bambini e il suolo ormai sigillato avanza di altri 57 chilometri quadrati (57 milioni di metri quadrati) al ritmo, confermato, di due metri quadrati al secondo. È come se ogni nuovo nato italiano portasse nella culla ben 135 mq di cemento.

Lo spreco di suolo continua ad avanzare nelle aree a rischio idrogeologico e sismico e tra, le città italiane, la Sicilia è la regione con la crescita percentuale più alta nelle aree a pericolosità idraulica media. Non mancano segnali positivi: la Valle d’Aosta, con solo 3 ettari di territorio impermeabilizzato nell’ultimo anno, è la prima
regione italiana vicina all’obiettivo “Consumo di suolo 0” e si dimezza la quantità di suolo perso in un anno
all’interno delle aree protette.

A confermarlo i dati del rapporto “Ispra Snpa” su “Il consumo di suolo in Italia 2020”: il lavoro, che analizza le trasformazioni del suolo negli anni, in questa
edizione si arricchisce di contributi provenienti da dodici Osservatori delle Regioni e Province autonome, anche grazie al progetto “Soil4Life”.

Precedente
La riunione del Consiglio comunale di Valtournenche del 21 luglio 2020

Il sindaco di Valtournenche scriverà alla "Finaosta" per chiedere «maggior condivisione» sulle decisioni strategiche per la "Cervino SpA"

Prossimo

Stato di agitazione del personale della residenza protetta "Domus Pacis" di Donnas «sfiancato da ferie non godute e straordinari importanti»





Post correlati
Total
0
Share