Un masso da mille metri cubi ha provocato la frana che è caduta sul Plan Checrouit, sulle piste da sci di Courmayeur, ora chiuse

Scritto da aostapresse

25 Febbraio 2020 - 19:30
La frana caduta a Plan Checruit, a Courmayeur

Una frana si è staccata verso le ore 17.30 di martedì 25 febbraio dalle pendici del Mont Chetif, probabilmente innescata da un crollo roccioso, ha attraversato il “raccordo 6” Pra Neyron arrestandosi sul Plan Checrouit, nel comprensorio di Courmayeur. Le piste interessate rimarranno chiuse al pubblico.

Nella mattinata di mercoledì 26 febbraio, i tecnici dell’Assessorato regionale delle opere pubbliche, territorio e edilizia residenziale pubblica, insieme ai rappresentanti del Comune di Courmayeur e della società degli impianti di risalita, hanno effettuato un sopralluogo per valutare la situazione. Dal sopralluogo dei tecnici della Struttura Attività geologiche della Regione è emerso che il fenomeno lapideo è stato provocato dal distacco di un prisma tabulare di circa ottocento -mille metri cubi di volume, con volumi unitari dell’ordine di trecento metri cubi.

Nell’immediato, di concerto la società delle funivie di Courmayeur, è stata disposta la chiusura al pubblico dell’area coinvolta dalla frana, mentre la scuola di sci continuerà a svolgere regolarmente la propria attività.
Per il futuro, dovrà essere realizzato uno studio geologico della parete coinvolta dalla frana e di quelle circostanti al fine di valutare la pericolosità delle pareti rocciose e di programmare gli eventuali interventi di mitigazione del rischio.

Fonte: Courmayeur Mont Blanc Funivie SpA e Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Invasione di api alla discarica, dopo che un’arnia è stata buttata via in mezzo al legname. Preoccupazione per il rischio di contagio della peste americana

L’incoscienza di un apicoltore hobbista, che ha gettato nell’isola ecologica un’arnia ancora contenente favi e miele, portata poi insieme ad altro legname nella discarica di Brissogne, ha provocato l’invasione di numerose api nella zona ed il rischio di diffondere ulteriormente in Valle d’Aosta l’epidemia di “peste americana”, una malattia batterica letale che sta decimando gli alveari, in quanto non esiste una cura riconosciuta ed efficace.

Misurato l’inquinamento dell’aria a Sarre, che risulta simile alle altre località della Plaine, nonostante il grande traffico veicolare che la caratterizza

Nel corso dell’anno 2020, l’Agenzia regionale protezione ambiente della Valle d’Aosta ha realizzato una campagna di misura presso il comune di Sarre al fine di valutare l’impatto sulla qualità dell’aria delle sorgenti locali e confrontarli con i valori di riferimento della normativa. Situato alle porte di Aosta, il centro abitato di Sarre, di medie dimensioni, è molto vicino alla strada regionale SS26, caratterizzata da traffico intenso durante tutto l’anno.

X