Albert Chatrian, assessore regionale all'ambiente, risorse naturali e Corpo forestale

Albert Chatrian annuncia la riapertura dei cantieri forestali dopo lo “stop” dettato dall’emergenza sanitaria: «non ci saranno più di cinque addetti per cantiere»





In una nota diffusa nel pomeriggio di martedì 14 aprile, Albert Chatrian, assessore regionale all’ambiente, risorse naturali e Corpo forestale «tenuto conto di quanto disposto dal dpcm del 10 aprile 2020, comunica che nei prossimi giorni il Dipartimento risorse naturali e Corpo forestale procederà alla riapertura dei cantieri forestali sospesi a causa dell’emergenza “covid-19”, relativi agli interventi selvicolturali e alla manutenzione dei parchi e delle aree verdi di competenza della Regione».

«La riapertura concernerà sia i lavori affidati a imprese esterne, sia quelli realizzati dagli operai forestali assunti a tempo indeterminato – continua Chatrian – in quanto sono ora consentite le attività di cui a codici “Ateco” “2 – silvicoltura e utilizzo aree forestali” ed “81.3 – cura e manutenzione del paesaggio” con esclusione delle attività di realizzazione».

»Dopo le necessarie procedure per l’assunzione degli operai – aggiunge ancora l’assessore – saranno inoltre avviati in modo scaglionato i cantieri stagionali per la manutenzione delle aree verdi e delle foreste: circa venti cantieri con l’impiego di circa cento operai stagionali che andranno ad affiancare gli operai a tempo indeterminato. Per la realizzazione dei lavori si terrà conto delle limitazioni previste dall’ordinanza del presidente della Regione n. 139 del 4 aprile 2020, che fissa il limite della presenza contemporanea di non più di cinque addetti per ogni cantiere. Per garantire la sicurezza dei lavoratori saranno adottate tutte le misure necessarie».


Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta

Precedente
Daria Pulz, consigliera regionale di 'ADU-VdA'

Daria Pulz critica i "no" di Renzo Testolin «che ha cristallizzato un sistema non democratico che sta schiacciando il Consiglio regionale»

Prossimo
Giuseppe Conte durante la conferenza stampa del 10 aprile 2020

Cinque decreti di Giuseppe Conte scadono il 14 aprile: le attività di "rilevanza strategica nazionale" possono riaprire dando solo una comunicazione alla Prefettura





Post correlati
Total
0
Share