Anche in Valle d’Aosta è arrivata la “variante nigeriana” del covid-19, ad Ayas, su un maschio adulto, posto in quarantena insieme ai contatti stretti

Scritto da aostapresse

25 Marzo 2021 - 13:00

Dalla refertazione di un test inviato all’Istituto zooprofilattico sperimentale di Torino è emersa la presenza di una mutazione compatibile con la cosiddetta “variante nigeriana” del virus “Sars-CoV-2”.
Lo annunciano l’Azienda Usl della Valle d’Aosta che precisa che “il campione “sospetto”, riferito ad un soggetto maschio adulto residente nella Val d’Ayas, è stato segnalato dai medici di sanità pubblica e dal laboratorio analisi dell’Usl all’Istituto zooprofilattico sperimentale di Torino, che ha accertato la positività e la mutazione. Il paziente è stato immediatamente isolato a domicilio e il dipartimento di prevenzione ha provveduto ad attivare la ricerca dei contatti stretti, che sono stati posti in quarantena”.

La “variante”, indicata con la sigla “lineage B.1.525”
era stata individuata nel Regno Unito intorno alla metà di dicembre 2020, ed è stata poi rintracciata in altri Paesi, come Nigeria, Danimarca, Stati Uniti, Canada e Francia. In Italia è stata scoperta a Napoli, dall’Istituto Pascale e dall’università “Federico II”, in un paziente tornato dall’Africa per motivi di lavoro

«Si tratta di una delle varianti definita “di interesse” dal “Center of disease control” statunitense – aggiungono dall’Istituto zooprofilattico sperimentale di Torino – ed al momento non è considerata preoccupante come quella “inglese”, ma è sorvegliata speciale al fine di verificarne l’aumentata trasmissibilità e/o per valutare eventuali interferenze con la copertura vaccinale».

Fonti: Ufficio stampa Azienda Usl della Valle d’Aosta ed Ufficio stampa Istituto zooprofilattico sperimentale di Torino

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X