Ad Aosta il guasto al semaforo che migliora il traffico: in corso St-Martin l’incrocio con via Monte Solarolo è più sicuro e fluido

Scritto da aostapresse

3 Aprile 2021 - 10:35

“Da qualche settimana l’impianto semaforico all’incrocio tra corso Saint-Martin-de-Corléans e via Monte Solarolo è guasto. Purtroppo quello che inizialmente sembrava un problema di lieve entità, si sta rivelando di difficile soluzione”. Così, su “Facebook”, il Comune di Aosta, nel pomeriggio di venerdì 2 aprile, ha spiegato i ritardi nel ripristino del sistema di gestione del traffico tra la via che collega la centrale piazza della Repubblica con la zona ovest della città.

“La sostituzione del “microchip” della programmazione nonché delle schede, che sembravano in un primo momento essere la causa del guasto, non ha risolto l’inconveniente – ammettono dal Comune – e neppure la successiva revisione delle schede effettuata dalla ditta fornitrice di Prato ha rilevato dei malfunzionamenti delle stesse. Il guasto potrebbe essere riconducibile alla scheda madre o a qualche altra componente interna del centralino elettronico. Per “tagliare la testa al toro” il centralino è stato smontato e inviato a un centro specializzato per un ultimo tentativo di riparazione prima di procedere, eventualmente, alla sua completa sostituzione”.

L’impianto, che viene considerato dagli automobilisti un vero e proprio inghippo nella viabilità del capoluogo regionale, a pochi metri da una rotonda e da un altro semaforo, ora prevede il diritto di precedenza per chi transita in corso Saint-Martin de Corléans, con lo “stop” obbligatorio per chi arriva da via Monte Solarolo, strada a senso unico a fianco del cantiere della nuova università, resa di difficile scorrimento a causa dei numerosi parcheggi abusivi.
Il guasto, paradossalmente, ha migliorato la viabilità, sia perché le auto che transitano in corso Saint-Martin de Corléans sono costrette a rallentare in prossimità delle strisce pedonali, dove ora il pedone ha la precedenza, sia perché di rende più agevole l’inserimento nel traffico dei veicoli provenienti da via Monte Solarolo, non più costretti a lunghe attese, a causa dei tempi incoerenti con cui era stato programmato il semaforo.
Inoltre, l’attuale situazione rende difficile (ma non impossibile), a certi ciclisti e conduttori di monopattini, il pericoloso inserimento contromano in via Monte Solarolo e successivamente nella vicina “ztl” di via Abbé Gorret, rendendo così più sicuro il transito dei veicoli dei residenti della zona.

Lo scorso mercoledì 17 marzo si era proceduto alla rimozione della cabina che, in corso Saint-Martin de Corléans, serviva, in passato alla gestione “manuale” del semaforo, che è stata trasferita nel deposito comunale. La cabina era inutilizzata da anni: nel 2014 una sentenza del “Tar” del Lazio, in una vertenza tra il Comune di Roma ed il Ministero del lavoro, aveva sottolineato che queste non potevano essere più considerate come “luoghi di lavoro” degli agenti della Polizia locale, in quanto questi “svolgono il loro lavoro sulla strada, essendo sostanzialmente addetti alla fluidificazione del traffico ed a verificare le conseguenze di incidenti stradali” e quindi le cabine possono solo costituire “punti di appoggio per scrivere, per ripararsi in condizioni meteorologiche particolarmente avverse e per riporre i propri effetti personali”.

Fonte: pagina “Facebook” del Comune di Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X