La Polizia arresta un 46enne kosovaro che stava rientrando in Italia e che doveva scontare una pena di quasi un anno

Scritto da aostapresse

8 Marzo 2021 - 9:05

Nello scorso fine settimana la Polizia di Stato ha arrestato un cittadino kosovaro di 46 anni: il personale in servizio presso la sottosezione di Polizia di Frontiera del Traforo del Monte Bianco, in collaborazione con personale dell’Esercito e del reparto Mobile di Torino, nell’ambito delle attività di contrasto al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed alla criminalità transfrontaliera, ha effettuato il controllo su un veicolo in entrata in territorio nazionale con targa svizzera, condotto dallo straniero.

“Approfonditi accertamenti dattiloscopici supportati da riscontri negli archivi elettronici – si legge in una nota della Questura – hanno permesso di accertare che l’uomo era destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso nel 2018 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Trieste. Lo straniero si trova ora nella Casa circondariale di Aosta dove deve scontare la pena di undici mesi e 28 giorni di reclusione per la violazione delle norme relative all’immigrazione”.

Fonte: Questura di Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X