Una coppia residente in bassa Valle ruba sci e scarponi ad una scialpinista a Gressoney: la refurtiva trovata a casa loro

Scritto da aostapresse

30 Marzo 2021 - 11:10

Una coppia residente nella bassa Valle d’Aosta, formata da un 29 enne e dalla sua compagna 36enne, è stata denunciata dai Carabinieri di Gressoney-Saint-Jean, al termine di un’indagine per furto aggravato, che ha permesso anche il recupero della refurtiva.

“I due soggetti, approfittando di un attimo di disattenzione della legittima proprietaria – si legge in una nota – le avevano sottratto l’attrezzatura da alpinismo, sci e scarponi per un valore di oltre 1.500 euro, che si trovava sull’auto della stessa. La vittima si era subito recata a denunciare il furto ai Carabinieri i quali, dopo aver effettuato gli accertamenti del caso, identificavano gli autori del furto negli occupanti di un’autovettura che, dopo essere transitati più volte vicino all’auto della denunciante, si appropriavano dell’attrezzatura caricandola sulla loro autovettura”.

“Dopo l’identificazione degli occupanti – sottolineano i Militari dell’Arma – e la successiva perquisizione nell’abitazione dei due, delegata dalla Procura della Repubblica di Aosta, venivano ritrovati sci e scarponi che confermavano le responsabilità dei due soggetti segnalati all’Autorità Giudiziaria per furto aggravato in concorso”.

Fonte: Gruppo Carabinieri di Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X