La casa dell'acqua a Sarre

Dal 26 febbraio anche Sarre ha la sua “casa dell’acqua”. Una borraccia un acciaio sarà donata a tutti gli allievi delle scuole primarie





“Salvaguardare l’ambiente è stato da sempre uno degli obiettivi dell’Amministrazione comunali di Sarre , il potenziamento dell’isola ecologica, la delibera “plastic free” che vieta l’uso di materiali in plastica monouso durante le manifestazioni organizzate dalle associazioni del territorio, la raccolta differenziata porta a porta e dal 26 febbraio l’apertura della casa dell’acqua nell’ex area mercatale di Saint-Maurice che aggiunge un importante tassello a un consumo rispettoso dell’ambiente”.

E’ quanto si legge in una nota del Comune di Sarre che annuncia che “l’acqua proveniente dalle sorgenti del territorio liscia o gasata è disponibile al prezzo di  0,05 euro al litro. L’apertura della casa dell’acqua coincide con la campagna “plastic free organizzata dall’Unité Grand-Paradis che sarà lanciata a partire dal mese di marzo nelle scuole del comune con la distribuzione a tutti gli allievi delle scuole primarie di una borraccia in acciaio accompagnata da una brochure informativa che sensibilizza le persone al corretto utilizzo dei materiali plastici ed a come evitare, attraverso semplici regole, la diffusione di materiali plastici monouso”.

“Inoltre la comunità montana Grand-Paradis organizzerà a Sarre il 16 marzo un corso di compostaggio – conclude la nota – durante il quale i partecipanti potranno ritirare in comodato d’uso una compostiera. Piccoli passi, ma importanti per un mondo senza plastica”.

Fonte: Comune di Sarre

Precedente
Alessandro Galimberti, presidente dell'Ordine dei giornalisti della Lombardia

«Diffondete notizie sanitarie solo se verificate con autorevoli fonti scientifiche». L'Ordine dei giornalisti della Lombardia richiama il "sistema dell'informazione"

Prossimo
Il reparto della pasta nell'ipermercato 'Carrefour' di Pollein

Nessun problema in Valle d'Aosta per gli approvvigionamenti del "Carrefour", preso d'assalto, come altri supermercati, a causa della psicosi del "coronavirus"





Post correlati
Total
0
Share