Duemila persone controllate dai Carabinieri nell’ultima settimana: scoperte due feste a Courmayeur e Valsavarenche

Scritto da aostapresse

29 Marzo 2021 - 10:40

“Settimana “rossa” per i controlli dei Carabinieri del Gruppo di Aosta. Con le nuove restrizioni disposte dai decreti nazionali e regionali, sono aumentati i controlli e le segnalazioni di violazioni alle norme anti-covid”.

È quanto racconta, in una nota, l’Arma di Aosta che evidenzia il fatto che “oltre ai servizi disposti in collaborazione con le altre Forze dell’ordine all’ingresso della regione, le pattuglie sono intervenute in alcune situazioni limite come ad esempio in alta Valle (a Courmayeur, n.d.r) dove quindici persone sono state trovate all’interno di una struttura a festeggiare. Nel week end sono stati tre i locali sanzionati amministrativamente per non aver rispettato le norme vigenti (a Saint-Pierre, Châtillon e Verrès, n.d.r), così come le undici persone trovate in una seconda casa (a Valsavarenche, n.d.r.) a festeggiare la laurea di uno del gruppo”.

“Fantasiose poi le giustificazioni trovate da parte di proprietari di seconde case non residenti nella regione per aggirare i divieti – aggiungono i Carabinieri – si va dalla convocazione del figlio minorenne dello sci club con famiglia completa al seguito, ai lavori di ristrutturazione per la quale la ditta avrebbe lavorato dal venerdì pomeriggio al lunedì mattina”.

“L’impegno dell’Arma dei Carabinieri nella Regione dall’inizio della pandemia – conclude la nota – ha portato al controllo di 47mila persone con circa mille sanzioni, 8.500 controlli ad esercizi pubblici con sanzioni per 43 e, solo nell’ultima settimana, oltre duemila persone controllate, 35 sanzionate, 360 controlli a locali pubblici di cui tre sanzionati e segnalati alle Autorità competenti”.

Fonte: Gruppo Carabinieri di Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X