Un giovane ai domiciliari per aver tentato di investire la fidanzata dopo averla ripetutamente picchiata

Scritto da aostapresse

2 Aprile 2021 - 17:00

Un giovane aostano di 24 anni è stato arrestato mercoledì 23 marzo, ma la notizia è stata diffusa solo venerdì 2 aprile, in una nota della Questura di Aosta, con le accuse per “maltrattamenti aggravati contro familiari e conviventi, tentato omicidio pluriaggravato e violenza privata”.

La misura cautelare personale degli arresti domiciliari è stata richiesta dal pubblico ministero della Procura di Aosta, Manlio D’Ambrosi, dopo che “gli agenti della Squadra Volanti sono intervenuti in seguito alla segnalazione del personale medico dell’ospedale “Parini”, che ha sottoposto a visita una giovane con evidenti segni di aggressione al volto e sul corpo – precisa la Questura – agli agenti la ragazza ha subito confidato di essere stata picchiata per l’ennesima volta dal fidanzato, un coetaneo valdostano con il quale intrattiene una relazione da circa due anni e che non ha mai avuto il coraggio di denunciare. Dal suo racconto è emersa una vicenda di continue e reiterate violenze e una vera e propria dipendenza
psicologica dal fidanzato”.

Le indagini hanno permesso di accertare che, “poco prima dell’ingresso in ospedale, la donna è stata condotta dal fidanzato in un’area isolata della “Plaine” (l’area verde di Gressan, n.d.r.) dove l’ha violentemente percossa, tentando infine di investirla con l’auto – aggiungono i poliziotti, evidenziando come la vittima si sia salvata avendo la prontezza di riflessi di saltare dietro un guard-rail – considerata la gravità del quadro indiziario, il Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Aosta, ha deciso di emettere la misura cautelare degli arresti domiciliari, eseguita immediatamente eseguita dal personale della Squadra Volanti».

Fonte: Questura di Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X