Un giovane ai domiciliari per aver tentato di investire la fidanzata dopo averla ripetutamente picchiata

Scritto da aostapresse

2 Aprile 2021 - 17:00
Una volante della Polizia nel centro storico di Aosta

Un giovane aostano di 24 anni è stato arrestato mercoledì 23 marzo, ma la notizia è stata diffusa solo venerdì 2 aprile, in una nota della Questura di Aosta, con le accuse per “maltrattamenti aggravati contro familiari e conviventi, tentato omicidio pluriaggravato e violenza privata”.

La misura cautelare personale degli arresti domiciliari è stata richiesta dal pubblico ministero della Procura di Aosta, Manlio D’Ambrosi, dopo che “gli agenti della Squadra Volanti sono intervenuti in seguito alla segnalazione del personale medico dell’ospedale “Parini”, che ha sottoposto a visita una giovane con evidenti segni di aggressione al volto e sul corpo – precisa la Questura – agli agenti la ragazza ha subito confidato di essere stata picchiata per l’ennesima volta dal fidanzato, un coetaneo valdostano con il quale intrattiene una relazione da circa due anni e che non ha mai avuto il coraggio di denunciare. Dal suo racconto è emersa una vicenda di continue e reiterate violenze e una vera e propria dipendenza
psicologica dal fidanzato”.

Le indagini hanno permesso di accertare che, “poco prima dell’ingresso in ospedale, la donna è stata condotta dal fidanzato in un’area isolata della “Plaine” (l’area verde di Gressan, n.d.r.) dove l’ha violentemente percossa, tentando infine di investirla con l’auto – aggiungono i poliziotti, evidenziando come la vittima si sia salvata avendo la prontezza di riflessi di saltare dietro un guard-rail – considerata la gravità del quadro indiziario, il Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Aosta, ha deciso di emettere la misura cautelare degli arresti domiciliari, eseguita immediatamente eseguita dal personale della Squadra Volanti».

Fonte: Questura di Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Rollandin, Perron e Lévêque assolti anche in appello dall’accusa di turbativa d’asta: «restano le conseguenze, psicologiche e materiali»

«Non posso che esprimere soddisfazione per la sentenza della Corte di Appello di Torino che conferma quella di assoluzione già emessa in primo grado dal Tribunale di Aosta “perché il fatto non sussiste” in relazione alla mia nomina nel 2015 a presidente della “Finaosta”».
Commenta così Massimo Lévêque, presidente della finanziaria regionale dall’11 agosto 2015 al 31 agosto 2018 in merito al caso giudiziario che lo ha coinvolto insieme all’attuale consigliere regionale Augusto Rollandin ed Ego Perron, rispettivamente presidente della Regione ed assessore regionale alle finanze dal 10 giugno 2014 al 10 marzo 2017.

Una donna 32enne trovata morta ad Aosta: indaga la Squadra Mobile per omicidio, dopo i lunghi rilievi della Scientifica

Elena Raluca Serban, 32 anni, di origini romene e residente a Lucca, in Toscana, ad Aosta da tre settimane, che abitava al primo piano del condominio “Arc en Ciel”, al numero 48 viale Partigiani, è stata trovata senza vita poco dopo le ore 9 di domenica 18 aprile, in bagno, con una ferita alla gola, dai Vigili del fuoco, intervenuti dopo una telefonata al “112” della sorella Aleksandra e della madre Mariana, che lamentavano di non riuscire più a mettersi in contatto con lei dalla serata di sabato 17.

X