Il 14 settembre la scuola valdostana riapre “in presenza”: nessun controllo della temperatura all’ingresso e mascherine sono durante gli spostamenti

Scritto da aostapresse

1 Settembre 2020 - 16:00

Chissà se i genitori e gli studenti valdostani leggeranno le quasi sessanta pagine dei due documenti predisposti dalla Sovrintendenza agli studi della Regione Valle d’Aosta che definiscono le modalità pedagogico-didattiche e sanitarie per il rientro a scuola, in presenza, da lunedì 14 settembre, approvate dalla Giunta regionale solo due settimane prima della riapertura, lunedì 31 agosto 2020, e presentate ufficialmente il giorno successivo.

Il protocollo di sicurezza, arrivato nel frattempo alla sua quarta versione, dopo la prima emessa, lo scorso maggio alla fine del “lockdown”, prevede che gli alunni delle scuole valdostane “dovranno indossare la mascherina solo negli spostamenti all’interno della scuola e durante le attività in cui viene meno il distanziamento di un metro” e che “in conformità con le disposizioni nazionali, i bambini al di sotto dei sei anni non sono soggetti all’obbligo della mascherina”. Anche i docenti, che dovranno indossare una mascherina “chirurgica” fornita dall’Istituzione scolastica potranno toglierla mentre spiegano alla cattedra e la indosseranno, per esempio, se dovranno avvicinarsi agli studenti per accompagnarli nel lavoro.

Come nei locali pubblici, anche nelle scuole ci saranno i segni sul pavimento per posizionare correttamente i banchi e per poterli risistemare dopo le pulizie, verranno ridotti al minimo gli arredi dell’aula, come armadi o scaffalature e si provvederà al distanziamento fisico ed all’arieggiamento frequente. Come sempre viene richiesto di disinfettare periodicamente le mani, tanto che in ogni aula ci sarà un dispenser di soluzione alcolica per docenti e studenti e si procederà anche a disinfettare le aule condivise, prima dell’ingresso della classe successiva.
Nelle classi la distanza sarà di “un metro tra le rime buccali” degli studenti e di due metri nella “zona interattiva della cattedra, identificata tra la cattedra medesima e il banco più prossimo ad essa”.
I famigerati banchi “a seduta innovativa”, quelli su rotelle, saranno presenti solo in alcune classi dell’Istituto professionale tecnico “Corrado Gex”, in 150 su 1.200 studenti, mentre in tutte le altre scuole è stato valutato sufficiente il semplice distanziamento dei banchi “classici”.

Alle famiglie viene demandato il compito di verificare che i figli non abbiano febbre oltre i 37,5 gradi e quindi non ci sarà nessun controllo della temperatura all’ingresso degli Istituti scolastici mentre per quanto riguarda il trasporto scolastico dedicato è previsto che gli scuolabus, gestiti dagli Enti locali e provvisti di segnaposto, possano percorrere fino a quindici minuti di viaggio “a pieno carico”.

La scuola ripartirà quindi lunedì 14 settembre ma in quattro località, il capoluogo regionale Aosta ed i Comuni di Saint-Pierre, Châtillon e Quart si fermerà quasi subito, da venerdì 18 a martedì 22 settembre per permettere le consultazioni elettorali: negli altri 65 Comuni, invece, le Amministrazioni comunali si sono attivate per trovare spazi alternativi alle scuole per ospitare i seggi e le operazioni di scrutinio, al fine di non interrompere le lezioni a pochi giorni dalla ripresa. In ogni caso, anche nei quattro comuni che sono stati in grado di trovare altri spazi per le elezioni, saranno comunque garantiti i duecento giorni effettivi di scuola.

La delibera regionale con il protocollo per la sicurezza scolastica (clicca per leggere)

Fonte: Sovraintendenza agli studi della Regione autonoma Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X