La “Shiloh” di Verrès getta la spugna: dopo la cassa integrazione e l’esubero di metà dei dipendenti, ha chiesto il concordato “in bianco”

Scritto da aostapresse

2 Giugno 2020 - 10:30

La società “Shiloh Industries Italia Srl”, società controllata dal gruppo statunitense “Shiloh Industries Inc.”, titolare dello stabilimento di Verrès, ex “Brabant Alucast”, ha depositato, lunedì 1° giugno, presso il Tribunale di Aosta, istanza per “pre-concordato” o “concordato in bianco”.

Lo rende noto “Confindustria Valle d’Aosta” che precisa il fatto che “in questa fase la società continuerà in ogni caso ad operare in continuità aziendale, svolgendo
ordinariamente la propria attività attraverso i propri attuali amministratori. La società ha altresì convocato le Organizzazioni sindacali al fine di concordare con le stesse le modalità per garantire i livelli occupazionali già concordati, anche attraverso il ricorso agli ammortizzatori sociali utili a consentire la valutazione di tutte le possibili strade per superare il proprio stato di tensione finanziaria”.

La richiesta di concordato è stata confermata anche dai sindacati “Fim-Cisl”, “Fiom-Cgil”, “Savt-Met” e “Fismic-Confisal” che, nella stessa giornata, hanno avuto un incontro “nel corso del quale è stata comunicata la volontà dell’azienda di depositare la richiesta di pre-concordato in bianco in Tribunale per far fronte alla situazione debitoria. Il contesto già precario in cui versa l’azienda si è ulteriormente aggravato con l’avvento della pandemia che ha messo in ginocchio il settore dell’automotive.
Quanto prima si terranno le assemblee con i lavoratori in cui verranno analizzati i contenuti dell’incontro e, in particolare, la richiesta di ampliare la platea dei lavoratori coinvolti dagli ammortizzatori in essere”.

La “Shiloh” opera in 17 impianti industriali in tutto il mondo, negli Stati Uniti, in Messico, in Cina ed in Europa: nello specifico, oltre a Verrès, produce a Rijnstraat in Olanda e, soprattutto, a Bielsko-Biała in Polonia, con oltre quattromila dipendenti totali dove produce componenti per l’auto, dagli interni alle scocche, ai motori. In Europa opera prevalentemente per il gruppo “FCA” ma ha svolto piccole commesse per altri marchi, come “Renault” ed “Opel”.

Nel momento dell’acquisizione, avvenuta nel febbraio 2018, lo stabilimento di Verrès impegnava circa 154 dipendenti, di cui cento lavoratori assunti a tempo indeterminato. Un anno dopo è arrivata la prima richiesta di “cassa integrazione” ed il 23 settembre era stato annunciato l’esubero di settanta figure professionali occupate nell’area produttiva ed amministrativa, quasi il cinquanta per cento della totalità degli addetti per i quali, due mesi dopo, a novembre 2019, l’Amministrazione regionale aveva annunciato “un sostegno attraverso un primo incontro con le agenzie del lavoro per una ricollocazione”, al quale non sono seguite altre iniziative.

Fonti: Confindustria Valle d’Aosta, Ufficio stampa “Cgil” Valle d’Aosta, Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe interessarti anche…

correlati

La Commissione antimafia verificherà il numero di “altri” vaccinati anche in Valle: «ci sono le categorie che non fanno parte delle sei voci specifiche» ribattono dall’Azienda Usl

«Ci sono alcune regioni, come Sicilia, Calabria, Campania e Valle d’Aosta che nella categoria “altro”, ovvero non “over 80”, personale sanitario e altre categorie principali a rischio, risultano avere numeri ben maggiori rispetto alla media nazionale. Chi sono le così tante persone che ricadono nella categoria “altro” in queste regioni?»
È la domanda che si pone Nicola Morra, senatore del Movimento 5 Stelle, presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È un ventenne di Aosta il responsabile del vandalismo sullo stambecco di Siro Viérin posizionato nel centro storico: «senza motivo gli ha dato quattro calci»

Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Aosta hanno individuato e denunciato per danneggiamento aggravato un ventenne italiano, residente ad Aosta, responsabile del violento danneggiamento di uno degli animali in cemento realizzati da Siro Viérin, scultore di Saint-Oyen, che aveva concesso gratuitamente al Comune di Aosta la possibilità di esporre, nelle vie del centro storico, alcune delle sue opere che l’anno precedente facevano parte dell’allestimento del “Marché Vert Noël”, annullato a causa dell’emergenza sanitaria.

X