Le “Sardine” valdostane annunciano iniziative per la promozione della legalità dopo il commissariamento del Comune di Saint-Pierre





Lo scioglimento per 18 mesi e il conseguente commissariamento del Consiglio comunale di Saint-Pierre, disposto giovedì 6 febbraio dal Consiglio dei Ministri rappresenta, per il Gruppo Sardine Valle d’Aosta, un elemento di forte preoccupazione.

“La decisione assunta dal Governo, la prima in assoluta in Valle d’Aosta, deve necessariamente portare ad una profonda riflessione sul grado di infiltrazione della malavita organizzata nel tessuto istituzionale della nostra Regione – scrivono, in una nota le “Sardine” valdostane – in tal senso l’azione del Gruppo sarà costantemente indirizzata ad una promozione della legalità in tutte le sue forme anche attraverso iniziative pubbliche, in collaborazione con il Coordinamento delle Sardine nazionali e con le associazioni valdostane operanti in questo settore. Un impegno che ci vedrà in prima fila per proporre un dibattito quanto più condiviso sui rischi di un sistema che, se non debellato, rischia di creare gravi problemi al sistema socio economico della Valle d’Aosta”.

Fonte: Gruppo Sardine Valle d’Aosta

Precedente
Renzo Testolin

«C'è bisogno di esempi di lavoro, serietà e dedizione e non di falsi moralizzatori» Renzo Testolin commenta la questione Saint-Pierre

Prossimo
Un'escursione nel Parco naturale Mont Avic

Saranno i Comuni di Châtillon, Pontey, Champorcher e Champdepraz a decidere sull'ampliamento del Parco naturale Mont Avic





Post correlati
La parte finale dello spot da 15 secondi della Valle d'Aosta
Leggi di più

La Regione spenderà oltre 100mila euro per “rafforzare il brand Valle d’Aosta” sulla Rai, con una serie di spot televisivi da 15 secondi

E' di oltre 103mila euro la spesa complessiva, da parte dell'Assessorato regionale al turismo, sport, commercio agricoltura e beni culturali, retto ad interim dal presidente della Regione, Renzo Testolin, per l'affidamento di "servizi pubblicitari consistenti nella messa in onda di spot televisivi alla società Rai pubblicità".
Total
0
Share