Per il secondo anno il Comune di Saint-Christophe aderisce al progetto “Boudza-té” per incentivare la mobilità sostenibile in bicicletta o a piedi

Scritto da aostapresse

13 Aprile 2021 - 16:30
Bici e auto a Saint-Christophe

Il Comune di Saint-Christophe ha aderito al progetto “Boudza-té”, volto a favorire la mobilità sostenibile, per il secondo anno consecutivo. Alla prima edizione hanno partecipato una ventina di cittadini che hanno complessivamente percorso oltre settemila chilometri per recarsi al lavoro. Anche quest’anno, ci si potrà muovere a piedi o in bicicletta, dal 1° maggio al 15 novembre, per recarsi a scuola o al lavoro, e vedersi riconosciuto un premio per questo impegno.

Ai partecipanti saranno erogati gli incentivi 25 centesimi di euro a chilometro per i residenti nelle località Bagnères, Gallesio, La Cure (zona Municipio), Coutateppaz, Frissonière, Le Lou e frazioni alte con l’uso di una bicicletta normale, valore che scende a 20 centesimi se si utilizza una bicicletta a pedalata assistita o si è residente sotto queste frazioni utilizzando una bicicletta muscolare, mentre, per questi, cala a 15 centesimi con l’uso di una bicicletta normale. A chi effettuerà il percorso a piedi, sarà riconosciuto un incentivo equivalente a quello della bicicletta normale.

Il tetto massimo giornaliero è di cinque euro e quello mentile di sessanta euro. Il Comune corrisponderà gli incentivi sotto forma di rimborso su spese effettuate negli esercizi commerciali operanti sul territorio comunale. Le spese potranno essere sostenute fra il 1° dicembre 2021 e il 31 marzo 2022.
Ogni partecipante dovrà dichiarare, mensilmente e utilizzando la modulistica appositamente predisposta, il numero e la tipologia dei chilometri percorsi. Gli spostamenti saranno documentati anche tramite una specifica App.

Per aderire al progetto è necessario iscriversi con i moduli predisposti a tal fine, da consegnarsi in Municipio: «riproponiamo questo progetto – commenta l’assessore allo sport Massimo Martini – e speriamo che sia confermata o migliorata la risposta da parte della popolazione. Senza dubbio, si tratta di un’iniziativa interessante e positiva sia nei confronti dell’ambiente sia del benessere individuale. Le riconosciamo una valenza sportiva, sociale e sanitaria, considerati i benefici che l’attività fisica porta alla salute».

Fonte: Comune di Saint-Christophe, Ufficio stampa A.V.I. Presse srl

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Pierluigi Marquis chiede trasparenza ai colleghi sulle vaccinazioni. ADU critica: «la classe dirigente salva prima il proprio deretano»

«Come sempre iniziano le speculazioni politico-mediatiche e affiorano insinuazioni su possibili beneficiari furbetti politici e pertanto nel ruolo pubblico di consigliere regionale ritengo doveroso rendere noto che il sottoscritto e i sui familiari, tra i quali come in molte altre famiglie figurano over 80, non sono stati sottoposti a vaccinazione e attendono fiduciosi il proprio turno». È quanto scrive su “Facebook” l’ex presidente della Regione Pierluigi Marquis.

Scontro tra Arcigay e Renaissance per le dichiarazioni di Vittorio Sgarbi sul disegno di legge Zan: «la diversità non è negativa»

«Le recenti dichiarazioni dell’onorevole Vittorio Sgarbi rispetto al disegno di legge Zan, rilasciate in un video sui social, sono agghiaccianti: Sgarbi afferma che l’approvazione della legge contro l’omobitransfobia, la misoginia e l’abilismo introdurrebbe in Italia “un qualcosa paragonabile alla pedofilia di Stato”, ritenendo che l’omosessualità sia un crimine paragonabile alla pedofilia». È quanto ha denunciato su “Facebook” l’associazione “Arcigay Valle d’Aosta Queer VdA”.

X