Erik Lavevaz evidenzia in Consiglio Valle «l’aumento importante dei contagi» in Valle d’Aosta: «siamo pronti a riattivare l’ospedale da campo»

Scritto da aostapresse

7 Aprile 2021 - 10:00

Lunedì 29 marzo il presidente della Regione, Erik Lavevaz, ha si è incontrato con il presidente del Consiglio del Ministri Mario Draghi, i ministri Mariastella Gelmini e Roberto Speranza, il Generale Francesco Figliuolo e il capo della Protezione civile nazionale Fabrizio Curcio «per fare il punto sulla situazione delle vaccinazioni, ma anche per un confronto sulle misure nazionali, poi inserite nell’ultimo decreto legge».

Lo ha dichiarato lo stesso Lavevaz in apertura del Consiglio Valle di mercoledì 7 aprile, dove partecipa in remoto, essendo risultato positivo al covid-19: «abbiamo posto alcune questioni, alcune condivise con le altre Regioni – ha aggiunto – con la valutazione attenta del Governo per arrivare gradualmente alla riapertura delle attività senza attendere fine aprile, reintroducendo le zone gialle, altre più specifiche come gli strumenti normativi per controllare i flussi tra i trafori, una questione risolta solo in parte. Insieme con la Provincia di Bolzano abbiamo chiesto un incremento delle forniture di vaccini in quanto regioni di confine: un argomento, questo, oggetto di interlocuzioni successive, tuttora in corso».

Anche Erik Lavevaz è positivo al covid-19: «è un modo per ricordarmi come non ragioniamo mai sui numeri ma sulle storie di singole persone»

«Nelle ultime settimane si è registrato un aumento importante di contagi ed anche dei ricoveri ospedalieri – ha poi sottolineato il presidente della Regione, parlando della situazione epidemiologica in Valle d’Aosta – il tasso di saturazione dell’ospedale ha superato i livelli di guardia, siamo pronti a richiedere la riattivazione dell’ospedale da campo. Resta massima l’attenzione al fine di garantire i servizi sanitari essenziali, fermo restando che tutte le scelte sono vincolate al rispetto del piano vaccinale e al potenziamento della struttura vaccinale, che resta tra le più efficienti a livello nazionale».

Fonte: Ufficio stampa Consiglio regionale della Valle d’Aosta

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Sei ore per fare un tampone “rapido” ad Aosta: Ornella Badery, presidente del Forte di Bard sbotta «non c’è competenza organizzativa»

«Spero che qualcuno si svegli!» Ha scritto così, su “Facebook”, nel pomeriggio di martedì 6 aprile Ornella Badery, presidente dell’Associazione Forte di Bard, già vice sindaca di Pont-Saint-Martin e dirigente di primo livello in Regione, dove fino al 2017 è stata a capo del Dipartimento personale e organizzazione, criticando pubblicamente il servizio di “drive-in” dei testa rapidi per il “covid-19”, definendolo «esperienza allucinante».

X