L'ingresso al seggio alle elezioni regionali 2018

I curriculum vitæ ed i certificati penali dei candidati alle elezioni regionali e comunali dovranno essere “facilmente accessibili” on line





In vista delle elezioni regionali del 19 aprile 2020, l’Ufficio elettorale della Regione rammenta che i partiti e i movimenti politici che intendono presentarsi alle elezioni debbono pubblicare, entro il quattordicesimo giorno antecedente la data delle votazioni e, quindi, entro il 5 aprile 2020, nel proprio sito Internet, con modalità facilmente accessibili, il curriculum vitæe e il relativo certificato penale del casellario giudiziale, rilasciato in data non antecedente al 20 gennaio 2020. Entrambi i documenti debbono essere forniti dai candidati. La disposizione è quella dell’articolo 1, comma 14, della legge 9 gennaio 2019, n. 3, recante “Misure per il contrasto dei reati contro la pubblica amministrazione, nonché in materia di prescrizione del reato e in materia di trasparenza dei partiti e movimenti politici”.

L’Ufficio precisa, inoltre, che per la pubblicazione, in adempimento del predetto obbligo, non è prescritto il consenso dell’interessato. I costi per i certificati, se richiesti da coloro che intendono candidarsi alle elezioni regionali, già indette, sono ridotti della metà.
Curricula vitæ e certificati penali dei candidati dovranno essere anche pubblicati in apposita sezione, denominata “Elezioni trasparenti”, del sito Internet della Regione, secondo le modalità che saranno comunicate successivamente (articolo 1, comma 15, della l. 3/2019).

Analoghi adempimenti sono previsti per le liste e i candidati alla carica di sindaco nei Comuni con popolazione superiore a 15mila abitanti. Questo caso, per la Valle d’Aosta, riguarda solo il Comune di Aosta. La pubblicazione deve essere effettuata nel sito Internet del partito o del movimento politico sotto il cui contrassegno si sono presentate le liste candidate, entro il 3 maggio 2020. Curricula vitate e certificati penali saranno anche pubblicati sul sito Internet del Comune, nella sezione denominata “Elezioni trasparenti”.

La mancata pubblicazione dei dati richiesti comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa da euro 12mila a euro 120mila (articolo 1, comma 23, della l. 3/2019)

L’ufficio rammenta, infine, che per le elezioni regionali il termine per la presentazione delle liste è fissato dal 15 al 16 marzo 2020 e che per le elezioni comunali, indette per il prossimo 17 maggio 2020, il termine è fissato dal 17 al 18 aprile 2020.

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta

Precedente
Il 'Premio Industria Felix' a Torino

La "Cva" è tra le 62 aziende ritenute più performanti ed affidabili, nel 2018, in Valle d'Aosta, Piemonte e Liguria

Prossimo
Il paramassi sulla A5, tra Pont-Saint-Martin e Quincinetto

Conclusi, sulla A5, i lavori di realizzazione della rete di protezione nella zona Chiappetti a Quincinetto, che eviterà la chiusura dell'autostrada





Post correlati
Total
0
Share