Mauro Baccega smentisce le presunte difficoltà di gestione dell’emergenza sanitaria al “Cottolengo” di Saint-Vincent

Scritto da aostapresse

10 Aprile 2020 - 14:10
Mauro Baccega, assessore regionale alla sanità

In una nota diffusa nella mattinata di venerdì 10 aprile, Mauro Baccega, assessore regionale alla sanità, salute e politiche sociali, smentisce i contenuti di un articolo pubblicato on line “poi ripreso da diversi social, relativamente alla struttura di Saint-Vincent denominata “Piccola casa della Divina Provvidenza” e che “è necessario fare le dovute precisazioni che smentiscono tutte le affermazioni riportate nell’articolo, soprattutto a tutela della professionalità dei medici e del personale sanitario che è intervenuto presso la struttura socio-assistenziale”.

“Appena appresa la notizia – si legge nella nota – l’Assessorato ha avviato le verifiche necessarie chiedendo una relazione ai medici dell’Azienda Usl, a quelli privati e alle infermiere intervenuti nella struttura che, si ricorda, è privata. Nel verificare la situazione, si sottolinea che i medici dell’Azienda Usl sono intervenuti più volte nella struttura impartendo tutte le disposizioni previste dai piani approvati dal Gruppo regionale medico specialistico. Tutto ciò è confermato dalle dichiarazioni pubbliche della direttrice e dell’infermiera del Cottolengo”.

“Nell’ultima visita – aggiunge la nota di Baccega – i medici hanno visitato tutti i 18 ospiti, di cui 17 positivi al “covid-19″, e uno negativo. Dei 17 positivi, tutti isolati, uno è ricoverato in ospedale. Durante le visite, sono state evidenziate le criticità presenti nella struttura e date indicazioni per porvi rimedio. La stessa direttrice e l’infermiera del Cottolengo, hanno, con comunicazioni inviate via mail, smentito quanto riportato sull’articolo, dichiarando che gli Enti pubblici, Regione, Comune di Saint-Vincent e Azienda Usl sono stati al loro fianco nell’affrontare questa emergenza con tempestività, attenzione e professionalità”.

“L’assessore Mauro Baccega, sentito il sindaco di Saint-Vincent Mario Borgio ed il commissario dell’Azienda Usl Angelo Pescarmona – conclude la nota – sottolinea come tutti e tre gli Enti abbiano messo in campo, ciascuno per quanto di propria competenza, tutte le attenzioni opportune e necessarie per salvaguardare la salute degli ospiti della struttura”.

Sulla questione, Manuela Nasso, consigliera regionale di opposizione ha scritto, su “Facebook”: «ieri abbiamo appreso dagli organi di stampa della critica situazione del Cottolengo di S. Vincent. Situazione ben descritta dalla suora Direttrice la quale fino a ieri stigmatizzava la poca attenzione verso la suddetta struttura (pochi dispositivi, insulti ricevuti eccetera). Oggi, a 24 ore di distanza, leggiamo di una lettera pubblica della medesima che riferisce che ciò che ha detto ieri è stato frutto di un momento di stanchezza e di aver fatto affermazioni non corrispondenti al vero e che tutti gli Enti pubblici sono stati efficienti. In sostanza, dopo sole 24 ore la direttrice ha ritirato tutto. E perché?».

«È un atteggiamento che desta preoccupazione – continua la consigliera del “Movimento 5 Stelle” – Pare quasi che alla Suora sia stata ricordata una qualche gerarchia e la lettera di smentita delle proprie affermazioni rilasciate solo ieri fa davvero riflettere su meccanismi e modus operandi che ricordano pagine buie che non finiscono mai. Io sarei più che contenta se ciò riferito ieri dalla Suora e un’infermiera non sia veritiero e la struttura abbia ricevuto tutte le attenzioni adeguate. L’auspicio è che venga fatta chiarezza prima o poi».

Fonte: Ufficio stampa Regione autonoma Valle d’Aosta e profilo “Facebook” di Manuela Nasso

segui aostapodcast

aostapresse sul sito
aostapodcast su spotify
aostapodcast su Google Podcast
aostapodcast su Apple Podcast
aostapodcast su Anchor

Potrebbe essere interessante anche…

correlati

Sarà l’Esercito a vaccinare gli over-80 delle zone “impervie” della Valle d’Aosta: in arrivo un migliaio di dosi extra per rispettare il piano

«Ho ricevuto proprio pochi minuti fa una telefonata del presidente Mario Draghi che mi ha comunicato che, grazie a una spinta in ambito europeo, già in questo trimestre arriveranno, a livello europeo, cinquanta milioni di dosi in più di “Pfizer” per l’Europa, che tradotte per l’Italia vuol dire, da aprile, da questo mese, oltre 670mila dosi, due milioni e 150mila a maggio, oltre quattro milioni a giugno». Lo ha annunciato, nel pomeriggio di mercoledì 14 aprile, uscendo dal centro vaccinale al “Palaindoor” di Aosta, il Generale Francesco Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza covid-19, in visita in Valle d’Aosta insieme a Fabrizio Curcio, capo della Protezione civile nazionale.

X