Giovanni Sandri

Per Italia Viva Valle d’Aosta, la norma regionale di raccolta firme per i movimenti non presenti in Consiglio Valle crea “un’evidente disparità”





Relativamente allo scioglimento del Consiglio regionale e all’indizione di nuove elezioni per il prossimo 19 di aprile, Italia Viva Valle d’Aosta, rimarca “come la legge elettorale vigente, al comma 3 dell’art. 6, consente ai gruppi già esistenti di non dover far sottoscrivere la propria lista dagli elettori. Questa norma crea una evidente disparità tra movimenti e partiti, dà ad alcuni cittadini, i consiglieri uscenti, un potere negato a tutti gli altri e toglie alle elettrici ed agli elettori il potere di scegliere quali liste possano presentarsi alle elezioni; ciò parrebbe in contrasto con il dettato costituzionale e meritevole di un approfondimento anche in vista di referendum abrogativo”.

Giovanni Sandri, coordinato di Italia Viva ha quindi annunciato che intende “partire da un confronto con +Europa e Azione di Carlo Calenda per coordinare le scelte dell’area riformista per le regionali nell’ipotesi o di presentare una
lista comune o di inserire delle candidate e dei candidati comuni in una lista alleata”.

Fonte: Italia Viva Valle d’Aosta

Precedente
Atleti e staff dello sci club Pila

Allo Sci club Pila il "Memorial Sergio Pellissier" di sci alpino a Valtournenche. Federica Brignone annuncia «sono in netto miglioramento»

Prossimo
L'ingresso della Cogne Acciai Speciali

Alla Cogne Acciai Speciali un mese di cassa integrazione ordinaria da marzo mentre a giugno verrà pagato un premio di produzione di 700 euro





Post correlati
La parte finale dello spot da 15 secondi della Valle d'Aosta
Leggi di più

La Regione spenderà oltre 100mila euro per “rafforzare il brand Valle d’Aosta” sulla Rai, con una serie di spot televisivi da 15 secondi

E' di oltre 103mila euro la spesa complessiva, da parte dell'Assessorato regionale al turismo, sport, commercio agricoltura e beni culturali, retto ad interim dal presidente della Regione, Renzo Testolin, per l'affidamento di "servizi pubblicitari consistenti nella messa in onda di spot televisivi alla società Rai pubblicità".
Total
0
Share